BIM: una corretta gestione energetica come inizio di una manutenzione sostenibile

BIM: Corretta Gestione Energetica | FMpool

Con gli obiettivi Europei di sostenibilità, le aziende non possono tirarsi indietro e devono agire verso un futuro più green: il BIM potrebbe essere il primo passo verso una gestione sostenibile del portafoglio immobiliare.

Negli ultimi anni, molte aziende si sono impegnate a tagliare i costi e ridurre il loro impatto ambientale. Ora, con la scienza che mostra che il pericolo del cambiamento climatico continuerà ad aumentare a meno che il mondo non raggiunga zero emissioni nette entro il 2050, nessuna azienda può permettersi di ignorare il proprio impatto ambientale. Il tutto deve iniziare con un corretto monitoraggio delle emissioni Scope 1 (emissioni dirette) e Scope 2 (emissioni indirette da consumo energetico). La buona notizia è che, per entrambi i tipi, un’azienda può prendere provvedimenti per azzerare le emissioni attraverso azioni dirette per quanto riguarda la gestione dell’energia e la progettazione dello spazio di lavoro.

In Italia il patrimonio immobiliare è molto vecchio, infatti uno studio  riporta che il 20% degli edifici destinati agli uffici è stato costruito prima del 1919 mentre il 43,4% è stato costruito tra il 1920 e il 1981. A causa dell’età avanzata degli immobili, in molti casi è necessario un investimento di capitale importante per attuare i miglioramenti infrastrutturali necessari ad adeguarsi alle iniziative di sostenibilità. Gli edifici che rimangono operativi ben oltre la loro vita utile (all’incirca 40/50 anni) consumano il 30-50% in più di energia e di emissioni rispetto a quelli nuovi.

Rimandare la ristrutturazione delle strutture può aumentare i costi operativi e CAPEX dal 400% al 1500%. Pertanto, la corretta manutenzione degli edifici è uno dei principali fattori da migliorare se vogliamo ridurre l’impronta ambientale e raggiungere gli obiettivi fissati per il 2050.
Non fatevi ingannare, i costi di gestione delle strutture legati alla riparazione e alla manutenzione sono spesso solo una piccola parte del costo reale delle strutture. Ci sono tipicamente costi nascosti più alti come le spese d’emergenza, i prezzi dell’energia che cambiano, l’eccessiva manutenzione reattiva e le emissioni di carbonio.

Così, mentre i progetti degli edifici diventano più tecnici e orientati verso una migliore performance di sostenibilità, assicurare il loro funzionamento efficiente è fondamentale. Metodologie come il BIM (Building Information Modelling) sono essenziali per raggiungere questi obiettivi e fornire le migliori soluzioni.
L’uso del BIM durante l’intero ciclo di vita di un edificio apre l’opportunità di affrontare alcune questioni chiave del cambiamento climatico. Combinando queste tecnologie con la crescente ricerca scientifica su materiali di costruzione e sostenibilità, i progettisti hanno molte più informazioni per prendere decisioni informate sugli edifici che progettano e sui migliori modelli di manutenzione adatti ad ogni edificio.

In effetti, questo approccio è la base del nuovo standard di riferimento globale ISO 19650, che affronta gli aspetti generali del BIM e il flusso informativo della fase di sviluppo del progetto di un bene immobiliare. Questo standard è destinato a diventare il nuovo standard di differenziazione per le aziende del settore AEC, come è avvenuto in passato con le serie 9001, 14000 e 18000.

BIM: il gemello digitale

Il BIM ha un’eredità che va oltre la progettazione. Negli edifici completati, i proprietari e gli operatori ereditano una rappresentazione digitale dettagliata del loro edificio, con una serie di metadati organizzati in modi che possono aiutare i gestori di beni immobiliari a mantenere alta l’efficienza durante il ciclo di vita dell’edificio. Questi metadati possono essere collegati direttamente a un sistema di gestione integrata del posto di lavoro (IWMS) che può rilevare come gli occupanti usano l’edificio e regolare i sistemi ambientali per fornire l’esatto supporto di cui l’edificio ha bisogno senza sprechi.

I sensori IoT e i sistemi avanzati di monitoraggio degli impianti forniscono ai gestori degli asset immobiliari delle metriche di performance per aiutare a valutare come vengono utilizzati gli edifici che occupiamo e di cosa c’è bisogno per farne un utilizzo ottimizzato. Collegando i sensori al sistema IWMS, è possibile prevedere i trend, monitorare le prestazioni del sistema e persino trarre vantaggio dagli algoritmi di apprendimento automatico. Questi possono anche imparare a regolare autonomamente i parametri dell’edificio quando non sono necessari, fornendo ricompense sia fiscali che ambientali.
La capacità di raccogliere, elaborare e imparare da tutte le informazioni digitali che è ora possibile raccogliere dai nostri edifici rappresenta un mezzo per ridurre al minimo gli sprechi, usare l’energia solo dove ce n’è bisogno e creare una stretta relazione tra le nostre esigenze dagli edifici che occupiamo e come le soddisfano.

Dopo aver costruito un accurato set di dati sugli asset e aver sviluppato dei parametri di riferimento appropriati per le prestazioni degli edifici, possiamo prendere decisioni informate sulla manutenzione degli asset stessi. Fare investimenti strategici una volta che tutti i dati raccolti sono stati analizzati sostiene l’impegno delle aziende verso la sostenibilità, fornendo lo slancio necessario per raggiungere lo zero netto.

L’edilizia è una necessità primaria per la popolazione mondiale ed è una delle attività meno sostenibili del pianeta. La tecnologia può mostrarci come possiamo attenuare il suo impatto ambientale, evitare decisioni irreversibili e usare solo le risorse di cui abbiamo bisogno. La riduzione dei costi di gestione dei nostri edifici richiede una comprensione completa dei nostri beni e l’ottimizzazione della gestione della manutenzione.

Se vuoi essere guidato nel mondo dei software FM o se semplicemente hai qualche domanda o curiosità a riguardo, non ti fare problemi e CONTATTACI pure.

Ti potrebbe interessare anche:

Integrazione BIM con IWMS: Soluzione Efficiente

Integrazione BIM con IWMS? La chiave per l’efficienza

Gestione Immobili per Strutture Sanitarie | FMpool

Gestione degli immobili e delle strutture sanitarie: nuove opportunità digitali

Quattro Consigli per un Capocantiere Efficiente

Quattro consigli per diventare un capocantiere più efficiente

Dati FM per Obiettivi Energetici e di Sostenibilità

Sfruttare i dati FM per raggiungere gli obiettivi energetici e di sostenibilità

Facility Management Sostenibilità Aziendale

Webinar Planon – Facility Management e sostenibilità aziendale

Edifici Intelligenti: la Soluzione del Futuro | FMpool

Edifici intelligenti, connessi e sostenibili: la soluzione del futuro

Iscriviti alla nostra newsletter